STRATEGIE DI COMUNICAZIONE DI OBAMA: “YES WE CAN”

Cosa possono insegnare le campagne politiche dall’uso del marketing digitale da parte di Obama?

Nel 2008, la campagna di marketing digitale di Obama ha rivoluzionato le comunicazioni tra politici ed elettori. Utilizzando diversi social, Obama, ha comunicato il messaggio “change we can believe in” a 5 milioni di sostenitori e ha veicolato 50 milioni di spettatori sul suo canale Youtube.
Passò da un ignoto relativamente politico al funzionario eletto come presidente degli Stati Uniti. L’intero programma della campagna politica è cambiato grazie al suo utilizzo della raccolta fondi di base, alla competenza sui social media e alla sensibilità virale utilizzata per sconfiggere i candidati più noti.

Obama ha utilizzato i social media per bypassare i media tradizionali e connettersi direttamente con i sostenitori, usando: Facebook, YouTube, Twitter, Flickr, Myspace, Podcast e altre reti che oramai sono defunte); utilizzando il crowdsourcing, ha catturato l’attenzione di migliaia di sostenitori per creare e distribuire contenuti aggiuntivi.
Il suo sito web barackobama.com ha ospitato una serie di materiali da cui gli elettori potevano scaricare e utilizzare per diffondere il messaggio, ma anche, per auto-organizzare eventi, connettersi con altri sostenitori e ricevere feedback e supporto dalla campagna. Secondo i dati di Quantcast, questa rete ha visto oltre 1 milione di visitatori ogni mese.

In questo caso non parliamo di innovazione ma di efficacia, il modo in cui il marketing mobile è stato strutturato ha permesso al “brand” Obama di evolversi mantenendo un chiaro invito all’azione; la campagna ha ascoltato, posto domande e costruito relazioni.
Obama è un politico di Facebook naturale. Sul suo profilo Facebook personale, che presentava il suo motto “Our moment is now”, Obama ha nominato i suoi musicisti preferiti come Miles Davis, Stevie Wonder e Bob Dylan e ha elencato i suoi passatempi come basket, scrittura e “loafing w / kids” (nota la scorciatoia alla moda mirava a fare appello ai giovani elettori).

Su YouTube, Obama ha rubato lo spettacolo. I suoi sostenitori hanno caricato oltre 1.800 video sul canale Barack Obama.com, che contava circa 115.000 iscritti. Il canale ha attirato oltre 97 milioni di visualizzazioni video durante circa 18 milioni di visite al canale.

Il colpo di grazia di YouTube, e il più grande colpo di stato elettorale di Obama, è stato il filmato di successo “Yes We Can”. La circolazione virale di quel video, visto da milioni di americani solo pochi giorni dopo la sua prima pubblicazione, conferì a Obama una solida credibilità elettorale in Medio America.

Dopo aver vinto le elezioni del 2008, come 44° presidente degli Stati Uniti, concorse per le elezioni del 2012, Obama non solo aveva oramai rodato le competenze del suo team, ma aveva anche una macchina per social media consolidata.
Il suo team ha capito come funzionano le reti. Il vero potere dei social media non è nel numero di post o tweet, ma nel coinvolgimento degli utenti misurato dalla diffusione dei contenuti.

Democrazia Partecipativa Digitale

I social media creano un nuovo dialogo politico. Nelle elezioni del 2012, il 30% degli utenti online ha dichiarato di essere stato invitato a votare tramite i social media da familiari, amici o altre connessioni di social network, il 20% ha incoraggiato attivamente gli altri e il 22% ha pubblicato la propria decisione al momento del voto.

Il gruppo di Obama ha usato questo crescente senso di interazione politica per generare supporto nel diffondere messaggi, incoraggiare altri elettori e raccogliere fondi. I social media e i messaggi di testo creano opportunità di coinvolgimento individuale che sembrano personali. Il personale incoraggia la partecipazione; la partecipazione crea proprietà. Incoraggiando il contributo attraverso piccole donazioni utilizzando i social media e i cellulari anziché concentrarsi sulla tradizionale strategia dei grandi donatori, la campagna di Obama è riuscita a raccogliere quasi 1 miliardo di dollari per non parlare dell’ampiezza del capitale sociale.

L’uso dei Meme nelle campagne

L’immediatezza dei social media crea canali istantanei per i memes – un’idea o un simbolo – per prendere piede e diffondersi rapidamente. I memes diventano un evento culturale dominante; fanno da cornice o addirittura sovrascrivono altri messaggi.

L’uso dei Big Data nelle campagne

La capacità di raccogliere e analizzare dati su larga scala ha permesso al team di Obama di modellare i comportamenti e coordinare e indirizzare le comunicazioni in base. Potrebbero, ad esempio, prevedere quali tipi di persone potrebbero essere persuasi da quali forme di contatto e contenuti.

L’utilizzo di un sito web per veicolare le azioni

Le persone di Barack Obama sanno che la chiave per ottenere il massimo vantaggio da coloro che visitano il suo sito è catturare i loro dettagli e rimanere in contatto con loro su base regolare tramite e-mail marketing … l’intero sito web è orientato a promuovere abbonamenti e donazioni via e-mail.

Una volta iscritto, Barack Obama utilizza l’email marketing per costruire una relazione con te nel tempo. Condivide aggiornamenti su ciò che ha fatto, opinioni su varie questioni e ti educa nel tempo. Le sue e-mail sono scritte dalla prima persona, da lui a te, costruendo ulteriormente la sua credibilità e fiducia.

I blog vengono utilizzati per connettersi sul mercato. Per comunicare con i suoi visitatori e sostenitori. Condivide articoli, commenti, video di YouTube e aggiornamenti di Twitter.

I social media sono completamente integrati nel sito web, nel 2008 Barack Obama era presente su 16 diverse piattaforme di social media e le ha promosse tutte sul suo sito web. Nel 2011 quel numero è stato ridotto a due … Facebook e Twitter, il che riflette la crescita e la quota di mercato che questi due siti Web hanno raggiunto negli ultimi 3 anni. Ovviamente usa ancora YouTube per lo streaming dei suoi video e Flickr per ospitare le sue immagini, ma ha limitato i suoi social network a Facebook e Twitter.

Un sito web ottimizzato per dispositivi mobili si connette con gli utenti in movimento. La campagna marketing di Obama ha un sito Web ottimizzato per dispositivi mobili per smartphone. Con la crescita dell’utilizzo di Internet mobile, disporre di un sito Web ottimizzato per i dispositivi mobili è fondamentale per offrire agli utenti di telefonia mobile un’esperienza eccezionale.

Share via
Copy link